NEWS
04-08 2021

Proroga stato di emergenza. Applicazione articolo 3-bis della legge 27 novembre 2020 n. 159, di conversione del decreto legge 7 ottobre 2020 n. 125, in vigore dal 4 dicembre 2020.

Con decreto – legge 23 luglio 2021 n. 105 è stato prorogato lo stato di emergenza fino al 31 dicembre 2021.

L’art 103, comma 2 della legge 24 aprile 2020 n. 27 modificato con l’art 3-bis, comma 1, della legge 27 novembre 2020 n. 159 di conversione del decreto- legge 7 ottobre 2020 n. 125 dispone che:

“Tutti i certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi comunque denominati, in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e la data della dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 , conservano la loro validità per i 90 giorni successivi alla dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza” e pertanto le iscrizioni in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e il 31 dicembre 2021, conservano la loro validità fino al 31 marzo 2022.

Resta inteso che per il legittimo esercizio dell’attività oggetto dell’iscrizione l’impresa deve:

a) rispettare le condizioni ed essere in possesso di tutti i requisiti previsti; l’accertata inosservanza può dare luogo all’apertura di procedimenti disciplinari e alle relative sanzioni;

b) prestare, per i casi previsti (iscrizioni nella categorie 1, relativamente alla raccolta e trasporto dei rifiuti urbani pericolosi, 5, 8, 9 e 10), apposita fideiussione, o appendice alla fideiussione già prestata, a copertura del periodo intercorrente tra la data di scadenza dell’iscrizione e quella del 31marzo 2022;

c) comunicare le variazioni dell’iscrizione, ovvero, comunicare eventuali variazioni circa i requisiti in essere.

04/08/2021

www.consulenzagestionerifiuti.it


03-08 2021

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI, Deliberazione n. 7 del 28 luglio 2021.

Adeguamento delle iscrizioni nelle categorie 4 e 2 bis a seguito dell’entrata in vigore del Decreto Legislativo n. 116 del 3 settembre 2020.

Il Decreto legislativo 3 settembre 2020 n. 116, in particolare l’art 1 comma 9 , ha modificato la definizione di rifiuti urbani, introducendo all’art 183, comma 1 del D. Lgs 3 aprile 2006 n. 152 la lettera b-ter che ricomprende, nell’ambito dei rifiuti urbani anche i rifiuti indifferenziati  e da raccolta differenziata provenienti da altre fonti ,diverse dalla domestica , che sono simili  per composizione e natura ai rifiuti domestici  ed indicati nell’allegato L-quater prodotti dalle attività riportate nell’allegato L- quinquies. (Gli allegati sono stati introdotti nella Parte IV del D. Lgs 3 aprile 2006 n. 152 dall’art 8, del D. Lgs 3 settembre 2020 n. 116).

L’art 6, comma 5 del D.Lgs116 del 3 settembre 2020 ha disposto l’applicazionedelle nuove definizioni di cui all’art 183 comma 1 lettera b-ter a partire dal 1 gennaio 2021 per consentire ai soggetti affidatari del servizio di gestione di rifiuti il graduale adeguamento operativo delle attività alla definizione di rifiuto urbano ed ai rifiuti ad esso assimilati.

Inoltre l’art 238, comma 10 del D. Lgs 3 aprile 2006 n. 152 ha previsto la possibilità per le utenze non domestiche che producono rifiuti urbani di cui all’art 183, comma 1, lettera b-ter punto 2 di conferire tali rifiuti al di fuori del servizio pubblico (fuori dalla privativa comunale) dimostrando di averli avviati al recupero.

Tali attività di raccolta e trasporto di rifiuti sono svolte dai soggetti iscritti nella categoria 4 e 2 – Bis dell’Albo Nazionale Gestori Ambientali e tali imprese, a partire dal 1 gennaio, seppur in possesso di requisiti, non avrebbero potuto proseguire nella loro attività poiché necessario un adeguamento dei singoli provvedimenti d’iscrizione.

L’ Albo, con Delibera n. 4 del 22 dicembre 2020, al fine di garantire, la continuità del servizio, nell’attesa dei tempi necessari per adeguare i provvedimenti d’iscrizione ha consentito ai soggetti iscritti nelle categorie 4 e 2-Bis dell’Albo per i codici ERR indicati nell’allegato L-quater la possibilità di raccogliere e trasportare i rifiuti identificati da detti codici provenienti dalle attività riportate nell’allegato L-quinquies.

Sarà la Delibera n. 7 del 28 luglio 2021 a definire le nuove regole per l’adeguamento delle iscrizioni nelle categorie 4 e 2 bis a seguito della definizione di “rifiuti urbani” introdotta dal D. Lgs 116/2020 e le nuove regole entreranno in vigore il 1 settembre 2020.

In base a quanto stabilito dalla Delibera:

-          I soggetti iscritti o che intendono iscriversi nella categoria 4 dell’Albo nazionale Gestori Ambientali (trasporto rifiuti speciali non pericolosi) possono trasportare tutti i rifiuti indicati nell’allegato L-quater e provenienti dalle attività riportate nell’allegato L-quinquies solo se prodotti da utenza non domestica e gestiti al di fuori del servizio pubblico ai sensi art 198 comma 2 – bis del D. Lgs 152/2006.

-          I soggetti iscritti o che intendono iscriversi  nella categoria 2 bis dell’Albo nazionale Gestori Ambientali  per il trasporto in conto proprio di rifiuti non pericolosi (produttori iniziali) , possono trasportare i rifiuti elencati nell’allegato L- quater solo se derivanti dalla propria attività , inserita tra quelle elencate nell’allegato L- quinquies, ai fini del conferimento al servizio pubblico, oppure gestiti al di fuori del servizio pubblico ai sensi art 198 comma 2 – bis del D. Lgs 152/2006.

-          In entrambe i casi va presentata apposita domanda alla Sezione regionale o provinciale territorialmente competente.

-          I soggetti già iscritti all’Albo e che stanno operando ai sensi della Delibera n. 4 del 22 dicembre 2020, possono continuare a trasportare i codici Dell’ERR già autorizzati di cui all’Allegato L- quater.

 

03/08/2021

www.consulenzagestionerifiuti.it


14-07 2021

ATTESTAZIONE DI “AVVIO A RECUPERO O SMALTIMENTO”, NOVITA’ CON D.L. 31 MAGGIO 2021 N. 77.

Il Decreto Legge 31 maggio 2021 n. 77, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 129 del 31.05.2021, apporta un’ulteriore modifica all’originario “certificato di avvenuto smaltimento” previsto dall’art. 188, comma 5 del D. Lgs 152 del 2006, sostituendolo con l’attestazione di avvio al recupero o smaltimento.

Cronistoria normativa:

L’originaria versione dell’art 188 “Oneri dei produttori e dei detentori” al comma 3 stabiliva che, “la responsabilità del detentore dei rifiuti per il corretto recupero o smaltimento è esclusa in caso di conferimento a soggetti autorizzati , anche ad attività intermedie, alla gestione dei rifiuti,  a condizione che il detentore abbia ricevuto il formulario di cui all’articolo 193 controfirmato e datato in arrivo dal destinatario entro tre mesi dalla data di conferimento dei rifiuti al trasportatore, ovvero alla scadenza del predetto termine abbia provveduto a darne comunicazione alla provincia della mancata ricezione del formulario”.

Al Comma 4:  ”Nel caso di conferimento di rifiuti a soggetti autorizzati alle operazioni di raggruppamento, ricondizionamento e deposito preliminare, indicate rispettivamente ai punti D 13, D 14, D 15 dell’Allegato B alla parte quarta del presente decreto, la responsabilità dei produttori dei rifiuti per il corretto smaltimento è esclusa a condizione che questi ultimi, oltre al formulario di trasporto di cui al comma 3, lettera b), abbiano ricevuto il certificato di avvenuto smaltimento rilasciato dal titolare dell’impianto che effettua le operazioni di cui ai punti da D 1 a D 12 del citato Allegato B. Le relative modalità di attuazione sono definite con decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio che dovrà anche determinare le responsabilità da attribuire all’intermediario dei rifiuti”.

Il “citato” decreto previsto nel comma 4 non è mai stato emanato e pertanto il “certificato di avvenuto smaltimento” non ha mai visto una effettiva applicazione.

Solo il D.Lgs 116/2020 con il nuovo art 188 “Responsabilità della gestione dei rifiuti” ha ridato vigore al “certificato di avvenuto smaltimento” trasformandolo in primis in “attestazione di smaltimento”, e stabilendo poi che tale certificato deve essere rilasciato dall’impianto intermedio.

Di fatto, il comma 4 in merito alla responsabilità del produttore o detentore dei rifiuti stabilisce che:

La consegna dei rifiuti, ai fini del trattamento, dal produttore iniziale o dal detentore ad uno dei soggetti di cui al comma 1 (ai gestori includendo anche gli intermediari), non costituisce esclusione automatica della responsabilità rispetto alle operazioni di effettivo recupero R13 o smaltimento D15. Al di fuori dei casi di concorso di persone nel fatto illecito e di quanto previsto dal regolamento (CE) n. 1013/2006, la responsabilità del produttore o del detentore per il recupero o smaltimento dei rifiuti è esclusa nei seguenti casi:

  1. a) conferimento dei rifiuti al servizio pubblico di raccolta;
  2. b) conferimento dei rifiuti a soggetti autorizzati alle attività di recupero o di smaltimento a condizione che il detentore abbia ricevuto il formulario di cui all’articolo 193 controfirmato e datato in arrivo dal destinatario entro tre mesi dalla data di conferimento dei rifiuti al trasportatore ovvero che alla scadenza di detto termine il produttore o detentore abbia provveduto a dare comunicazione alle autorità competenti della mancata ricezione del formulario”.

In merito alla attestazione di avvenuto avvio allo smaltimento, il comma 5 aggiunge e chiarisce:

“Nel caso di conferimento di rifiuti a soggetti autorizzati alle operazioni di raggruppamento (D13), ricondizionamento (D14) e deposito preliminare (D15”) di cui all’All. B della Parte IV del D.L.vo 152/06, “la responsabilità dei produttori dei rifiuti per il corretto smaltimento è esclusa a condizione che questi ultimi, oltre al formulario di identificazione, abbiano ricevuto un’attestazione di avvenuto smaltimento, resa ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000 n. 445, sottoscritta dal titolare dell’impianto (intermedio) da cui risultino, almeno, i dati dell’impianto e del titolare, la quantità dei rifiuti trattati e la tipologia di operazione di smaltimento effettuata”.

Quindi il D. Lgs 116/2020 oltre a parlare di attestazione e non più di certificato di avvenuto smaltimento rende necessaria tale attestazione, in aggiunta al formulario, solo nel caso in cui i rifiuti vengano conferiti per operazioni di smaltimento.

Questa nuova formulazione della norma chiarisce che l’attestazione deve essere rilasciata dall’impianto destinatario intermedio dei rifiuti (operazioni D13, D14 e D15) ma lascia ancora vari dubbi:

-          Tempistica di rilascio dell’attestazione;

-          Modello di attestazione, infatti la norma pur definendo che l’attestazione deve contenere almeno i dati dell’impianto e del titolare, la quantità dei rifiuti trattati e la tipologia di operazione di smaltimento effettuata non ne predispone un fac – simile.

Il Decreto Legge 31 maggio 2021 n. 77 “ Governance del Piano nazionale di ripresa e resilenza e prime misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di accelerazione e snellimento delle procedure”, all’ 35 -  “Misure di semplificazione per la promozione dell’economia circolare”, al punto c) modifica l’art 188 del D. Lgs 116/2020 – e trasforma l’attestazione di avvenuto smaltimento inserita con il D. Lgs 116/2020 in “attestazione di avvio al recupero o smaltimento”.

L’attestazione, sottoscritta dal titolare dell’impianto, deve essere redatta ai sensi del DPR 445/2000 e deve contenere:

-          Dati dell’impianto

-          Dati del titolare

-          Quantità di rifiuti trattati

-          Tipologia di operazione di smaltimento effettuata

Pertanto, alla confusione iniziale, si aggiunge l’integrazione data D.L. 77/2021, con la quale viene aggiunta anche l’operazione di recupero non indicata inizialmente nel D.Lgs 116/2020.

Tali disposizioni si applicano fino all’entrata in vigore del decreto di cui all’art 188 bis, comma 1 in cui saranno definite anche le modalità per la verifica ed invio dell’attestazione di avvenuto recupero e smaltimento dei rifiuti, nonché le responsabilità da attribuire all’intermediario, come previsto nella parte finale del comma 5  del nuovo art 188 del D. Lgs 152/2006.

Il Decreto Legge 31 maggio 2021 n. 77, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 129 del 31.05.2021, apporta un’ulteriore modifica all’originario “certificato di avvenuto smaltimento” previsto dall’art. 188, comma 5 del D. Lgs 152 del 2006, sostituendolo con l’attestazione di avvio al recupero o smaltimento.

Cronistoria normativa:

L’originaria versione dell’art 188 “Oneri dei produttori e dei detentori” al comma 3 stabiliva che, “la responsabilità del detentore dei rifiuti per il corretto recupero o smaltimento è esclusa in caso di conferimento a soggetti autorizzati , anche ad attività intermedie, alla gestione dei rifiuti,  a condizione che il detentore abbia ricevuto il formulario di cui all’articolo 193 controfirmato e datato in arrivo dal destinatario entro tre mesi dalla data di conferimento dei rifiuti al trasportatore, ovvero alla scadenza del predetto termine abbia provveduto a darne comunicazione alla provincia della mancata ricezione del formulario”.

Al Comma 4:  ”Nel caso di conferimento di rifiuti a soggetti autorizzati alle operazioni di raggruppamento, ricondizionamento e deposito preliminare, indicate rispettivamente ai punti D 13, D 14, D 15 dell’Allegato B alla parte quarta del presente decreto, la responsabilità dei produttori dei rifiuti per il corretto smaltimento è esclusa a condizione che questi ultimi, oltre al formulario di trasporto di cui al comma 3, lettera b), abbiano ricevuto il certificato di avvenuto smaltimento rilasciato dal titolare dell’impianto che effettua le operazioni di cui ai punti da D 1 a D 12 del citato Allegato B. Le relative modalità di attuazione sono definite con decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio che dovrà anche determinare le responsabilità da attribuire all’intermediario dei rifiuti”.

Il “citato” decreto previsto nel comma 4 non è mai stato emanato e pertanto il “certificato di avvenuto smaltimento” non ha mai visto una effettiva applicazione.

Solo il D.Lgs 116/2020 con il nuovo art 188 “Responsabilità della gestione dei rifiuti” ha ridato vigore al “certificato di avvenuto smaltimento” trasformandolo in primis in “attestazione di smaltimento”, e stabilendo poi che tale certificato deve essere rilasciato dall’impianto intermedio.

Di fatto, il comma 4 in merito alla responsabilità del produttore o detentore dei rifiuti stabilisce che:

La consegna dei rifiuti, ai fini del trattamento, dal produttore iniziale o dal detentore ad uno dei soggetti di cui al comma 1 (ai gestori includendo anche gli intermediari), non costituisce esclusione automatica della responsabilità rispetto alle operazioni di effettivo recupero R13 o smaltimento D15. Al di fuori dei casi di concorso di persone nel fatto illecito e di quanto previsto dal regolamento (CE) n. 1013/2006, la responsabilità del produttore o del detentore per il recupero o smaltimento dei rifiuti è esclusa nei seguenti casi:

  1. a) conferimento dei rifiuti al servizio pubblico di raccolta;
  2. b) conferimento dei rifiuti a soggetti autorizzati alle attività di recupero o di smaltimento a condizione che il detentore abbia ricevuto il formulario di cui all’articolo 193 controfirmato e datato in arrivo dal destinatario entro tre mesi dalla data di conferimento dei rifiuti al trasportatore ovvero che alla scadenza di detto termine il produttore o detentore abbia provveduto a dare comunicazione alle autorità competenti della mancata ricezione del formulario”.

In merito alla attestazione di avvenuto avvio allo smaltimento, il comma 5 aggiunge e chiarisce:

“Nel caso di conferimento di rifiuti a soggetti autorizzati alle operazioni di raggruppamento (D13), ricondizionamento (D14) e deposito preliminare (D15”) di cui all’All. B della Parte IV del D.L.vo 152/06, “la responsabilità dei produttori dei rifiuti per il corretto smaltimento è esclusa a condizione che questi ultimi, oltre al formulario di identificazione, abbiano ricevuto un’attestazione di avvenuto smaltimento, resa ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000 n. 445, sottoscritta dal titolare dell’impianto (intermedio) da cui risultino, almeno, i dati dell’impianto e del titolare, la quantità dei rifiuti trattati e la tipologia di operazione di smaltimento effettuata”.

Quindi il D. Lgs 116/2020 oltre a parlare di attestazione e non più di certificato di avvenuto smaltimento rende necessaria tale attestazione, in aggiunta al formulario, solo nel caso in cui i rifiuti vengano conferiti per operazioni di smaltimento.

Questa nuova formulazione della norma chiarisce che l’attestazione deve essere rilasciata dall’impianto destinatario intermedio dei rifiuti (operazioni D13, D14 e D15) ma lascia ancora vari dubbi:

-          Tempistica di rilascio dell’attestazione;

-          Modello di attestazione, infatti la norma pur definendo che l’attestazione deve contenere almeno i dati dell’impianto e del titolare, la quantità dei rifiuti trattati e la tipologia di operazione di smaltimento effettuata non ne predispone un fac – simile.

Il Decreto Legge 31 maggio 2021 n. 77 “ Governance del Piano nazionale di ripresa e resilenza e prime misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di accelerazione e snellimento delle procedure”, all’ 35 -  “Misure di semplificazione per la promozione dell’economia circolare”, al punto c) modifica l’art 188 del D. Lgs 116/2020 – e trasforma l’attestazione di avvenuto smaltimento inserita con il D. Lgs 116/2020 in “attestazione di avvio al recupero o smaltimento”.

L’attestazione, sottoscritta dal titolare dell’impianto, deve essere redatta ai sensi del DPR 445/2000 e deve contenere:

-          Dati dell’impianto

-          Dati del titolare

-          Quantità di rifiuti trattati

-          Tipologia di operazione di smaltimento effettuata

Pertanto, alla confusione iniziale, si aggiunge l’integrazione data D.L. 77/2021, con la quale viene aggiunta anche l’operazione di recupero non indicata inizialmente nel D.Lgs 116/2020.

Tali disposizioni si applicano fino all’entrata in vigore del decreto di cui all’art 188 bis, comma 1 in cui saranno definite anche le modalità per la verifica ed invio dell’attestazione di avvenuto recupero e smaltimento dei rifiuti, nonché le responsabilità da attribuire all’intermediario, come previsto nella parte finale del comma 5  del nuovo art 188 del D. Lgs 152/2006.

14/07/2021

www.consulenzagestionerifiuti.it

 

 

 



05-06 2021

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI, la circolare n. 6 del 11 maggio 2021 sostituisce la circolare n. 3 del 11 febbraio 2021.

Con Decreto Legge 22 aprile 2021 n. 52, lo stato di emergenza epidemiologica da COVID 19, è stato prorogato al 31 luglio 2021; ne consegue che le “iscrizioni in scadenza nell’arco temporale tra il 31 gennaio 2020 e il 31 luglio 2021 conservano la loro validità per i 90 giorni successivi alla dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza e cioè fino al 29 ottobre 2021 (e non più 29 luglio 2021 come da precedente D.L.) ferma restando l’efficacia dei rinnovi deliberati nel periodo suddetto.”

Resta inteso, come nelle precedenti circolari emanate dall’Albo relative a tale argomento che, per proseguire l’esercizio dell’attività oggetto dell’iscrizione l’impresa deve:

a) rispettare le condizioni ed essere in possesso di tutti i requisiti previsti; l’accertata inosservanza può dare luogo all’apertura di procedimenti disciplinari e alle relative sanzioni;

b) prestare, per i casi previsti (iscrizioni nella categorie 1, relativamente alla raccolta e trasporto dei rifiuti urbani pericolosi, 5, 8, 9 e 10), apposita fideiussione, o appendice alla fideiussione già prestata, a copertura del periodo intercorrente dalla data di scadenza dell’iscrizione e quella del 29 ottobre 2021;

c) comunicare le variazioni dell’iscrizione, ovvero, comunicare eventuali variazioni circa i requisiti in essere.


11-03 2021

MUD 2021, scade il 16 giugno 2021 il termine per presentare il Modello Unico di Dichiarazione ambientale con riferimento al 2020

 Sulla GU Serie Generale n. 39 del 16-02-2021 - Suppl. Ordinario n. 10 è stato pubblicato il D.P.C.M. del 23 dicembre 2020 "Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l'anno 2021".

In base all’articolo 6 comma 2-bis della Legge 25 gennaio 1994 n. 70, il termine per la presentazione del modello è fissato in centoventi giorni a decorrere dalla data di pubblicazione e quindi al 16 giugno 2021.

Il Modello Unico di Dichiarazione ambientale, che sarà utilizzato per le dichiarazioni da presentare nel 2021 con riferimento all'anno precedente, come disposto dalla legge 25 gennaio 1994, n. 70, è articolato in Comunicazioni che devono essere presentate dai soggetti tenuti all'adempimento:

    1. Comunicazione Rifiuti

    2. Comunicazione Veicoli Fuori Uso

    3. Comunicazione Imballaggi, composta dalla Sezione Consorzi e dalla Sezione Gestori Rifiuti di imballaggio.

    4. Comunicazione Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche

    5. Comunicazione Rifiuti Urbani, assimilati e raccolti in convenzione

    6. Comunicazione Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche

Deve essere presentato un MUD per ogni unità locale che sia obbligata, dalle norme vigenti, alla presentazione di dichiarazione, di comunicazione, di denuncia, di notificazione.

Di seguito le principali modifiche rispetto al MUD 2020:

-          Gli impianti che svolgono attività di recupero dovranno comunicare, se l'autorizzazione è riferita ad attività di recupero per le quali è stata prevista applicazione del comma.3              art. 184 ter

-          Nella comunicazione rifiuti e veicoli fuori uso sono state apportate modifiche alle informazioni relative ai materiali derivanti dall’attività di recupero

-          La scheda CG –costi di gestione della comunicazione rifiuti urbani è stata completamente rivista

-          Sono state modificate le categorie della comunicazione RAEE per adeguarle all’entrata in vigore dell’open scope e della classificazione prevista dall’allegato III al D.lgs.

           9/2014

-          Sempre nella comunicazione RAEE è stata aggiunta la voce relativa alla quantità di RAEE preparati per il riutilizzo, mentre è stata eliminata l’informazione sui RAEE utilizzati come apparecchiatura intera.

Il Mud va presentato con le modalità consuete, via telematica o via pec; per quanto riguarda il Mud semplificato e il Mud Comuni , se inviato a mezzo pec, il pagamento dei diritti di segreteria potrà avvenire esclusivamente con il circuito PagoPa.

 


09-03 2021

VIDIMAZIONE VIRTUALE DEL FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO: OPERATIVA DALL’8 MARZO 2021

A partire da lunedì 8 marzo 2021 trova applicazione il comma 5 dell’art 193 del D. Lgs 152/2006 nella nuova formulazione introdotta dal D. Lgs 116/2020 che prevede, in alternativa alle usuali modalità di vidimazione del formulario d’identificazione dei rifiuti, la possibilità di generare formulari già vidimati in un formato conforme a quello attuale e quindi previsto dal DM 145/198.

Con il nuovo sistema, i formulari prodotti dovranno essere stampati e vidimati in duplice copia;

la vidimazione consiste in un numero univoco indicato in basso sul FIR affiancato da un Qr Code che permette di individuare velocemente il soggetto che lo ha generato.

Il servizio che prende il nome di ViViFir è stato realizzato da Ecocerved/Unioncamere con il supporto del Comitato dell’Albo Nazionale Gestori Ambientali.

Le imprese e gli enti potranno operare autonomamente previa registrazione, il servizio è gratuito ed è reso disponibile dalle Camere di Commercio.

L’utente potrà richiedere la generazione del numero univoco da riportare sul proprio formulario di identificazione del rifiuto, in due modalità:

1.     On line, per produrre un modello prefincato conforme al formato di legge.

E’ possibile accedere direttamente dal portale www.ecocamere.it o attraverso il link https://vivifir.ecocamere.it

a) L’accesso al servizio è effettuato da un utente (persona fisica) che si autentica mediante identità digitale (Carta Nazionale dei Servizi o SPID) e indica l’impresa o l’ente per conto della quale intende operare.

Effettuato l’accesso (registrazione) la persona riceve la richiesta di confermare l’attivazione dell’utente all’indirizzo e-mail indicato in fase di registrazione.

Nel caso di impresa il sistema Vi.Vi.Fir verifica mediante interfaccia con il Registro delle Imprese, che la persona abbia titolo a rappresentare l’impresa; nel caso di ente viene inviata una richiesta di conferma della delega all’indirizzo istituzionale presente in Indice PA.

b) Il rappresentante dell’impresa o dell’ente, una volta inseriti i dati anagrafici può operare in prima persona oppure mediante la schermata “Rappresentanti e Delegati”:

c) Delegare, mediante il pulsante aggiungi delega, uno o più persone, che accederanno anch’esse tramite autenticazione (nominativo e codice fiscale), ed avranno la stessa visibilità del rappresentante. Anche i delegati accederanno con CNS o SPID e potranno a loro volta delegare altre persone interne o esterne all’organizzazione (sub delegati), ad esempio il consulente. Il sub delegato avrà però la possibilità di richiedere la vidimazione, esclusivamente, per una o più strutture interne all’impresa.

d) Mediante la funzione Configurazione → Strutture, il Rappresentante o delegato possono rappresentare l’articolazione dell’impresa, possono, ad esempio, (ma non è obbligatorio) inserire più unità locali o più aree territoriali alle quali assegneranno un nome o un codice per identificarle.

Ogni sub-delegato può essere associato ad una o più strutture.

e) Completata la configurazione, si passa alla vidimazione del formulario mediante la funzione  Formulari → Vidimazione Fir .

Importante: Se l’utente può operare per più imprese dovrà scegliere quella per cui intende procedere con la vidimazione.

-          1. Creare uno o più blocchi virtuali che possiamo assimilare ai blocchi di formulari prodotti dalla tipografia ai quali associare poi tutti i formulari; ad esempio avere un blocco per uno specifico mezzo e se utile può essere associato ad una struttura e solo il sub delegato associato alla struttura potrà operare su quel blocco. Ogni blocco sarà identificato da un codice e potrà essere eliminato in qualsiasi momento se ad esso non è stato associato alcun formulario o disattivato laddove ci siano formulari associati.

-          2. Cliccare poi su “Genera” per procedere con la generazione di uno o più nuovi FIR vidimati che saranno associati al blocco virtuale; l’utente potrà poi procedere alla generazione di altri formulari.

Tutti i formulari generati saranno poi visibili insieme alla data di richiesta e alle indicazioni della persona che li ha generati.

-          3. Cliccare sul PDF che si genera per visualizzare il formulario generato che potrà poi essere salvato sul pc.

Il numero univoco del formulario che attesta l’avvenuta vidimazione viene riportato sia nella parte superiore che inferiore del FIR; nella parte inferiore viene riportata anche la data di vidimazione, la Camera di Commercio che ha, virtualmente, effettuato la vidimazione e il QR Code che letto con uno smartphone riporta le stesse informazioni.

Le informazioni da inserire sul formulario e le modalità di compilazione non sono assolutamente cambiate.

A questo punto, l’utente potrà stampare il formulario e le informazioni possono essere inserite manualmente oppure stampare direttamente su di esso i dati precedentemente inseriti in un gestionale o in un file.

Il formulario viene stampato in due copie e delle due copie dei formulari generati, una copia firmata rimane presso il produttore e l’altra copia accompagna il rifiuto fino a destinazione.

Gli altri soggetti coinvolti ricevono una fotocopia del formulario completa in tutte le sue parti. Cliccando poi sui “tre puntini” in fondo alla riga della schermata da cui abbiamo proceduto alla stampa l’utente accede ad una pagina da cui può vedere oltre ai dati identificativi il numero di volte in cui ha effettuato il download del file o allungare il formulario. L’utente può per propria comodità barrare la casellina “non ancora utilizzato” che poi diventerà marcata “come utilizzato”; questa informazione è solo per l’utente.

Le copie del formulario devono essere conservate per tre anni.

Dalla pagina Formulari → Vidimazione FIR l’utente può vedere tutti i blocchi virtuali di formulari aperti ed eventualmente disattivati e riaprire ogni blocco per rivedere i formulati generati e ricercare i formulari in base a “denominazione e struttura” e alla data di utilizzo dei blocchi.

La funzione Formulari → Verifica, disponibile anche in “Area pubblica” consente a chiunque, dato un numero di formulario, di visualizzare le informazioni relative alla vidimazione.

 2.     Applicativamente, mediante interoperabilità attraverso il gestionale dell’utente e il servizio messo a disposizione dalle Camere di Commercio.

Le imprese che utilizzano per la compilazione dei registri e formulari un proprio sistema gestionale, possono accedere al servizio in modalità telematica per apporre il codice univoco su ogni formulario. Tali imprese potranno interfacciarsi, se il fornitore di sistema lo ha previsto, direttamente con esso. Il formulario potrà essere generato dal sistema gestionale e contenere i dati da esso recuperati.

Le imprese, a tal fine, dopo essersi registrate dovranno comunicare al fornitore del sistema il codice generato mediante la funzione Configurazione → Credenziali applicative → Cliccare su nuove credenziali e comunicare al produttore del software i due identificativi generati dal sistema.

E’ importante sottolineare che ViViFir non è una applicazione per compilare il formulario, non parliamo di un formulario digitale, ma è un ‘applicazione per generare e vidimare autonomamente il formulario di identificazione del rifiuto.

E’ una soluzione transitoria, in attesa del Registro Elettronico Nazionale nella tracciabilità dei rifiuti, che convive con il tradizionale formulario cartaceo in 4 copie e permette ad un’impresa di avere in tempo reale tutti i formulari di cui necessita senza recarsi fisicamente presso la Camera di Commercio per la vidimazione dei  formulari; comporta quindi vantaggi in termini di riduzione dei costi e impatto ambientale.

VIVIFIR, la gestione delle copie.

Con Vivifir i formulari sono prodotti in formato PDF/A, uno standard nazionale previsto dalla norma ISO:19005 che consentirà di visualizzare il documento sempre allo stesso modo anche a distanza di tempo e con software diversi.

Il documento potrà essere emesso e compilato sia dal produttore (o detentore del rifiuto) che dal trasportatore e verrà stampato, come già anticipato, in duplice copia (sarà comunque sufficiente fare una fotocopia):

-  La prima firmata dal produttore e controfirmata dal trasportatore resterà al produttore (in basso sarà contrassegnata “copia  þ Produttore” .

-   La seconda, anch’essa firmata in originale dal produttore e dal trasportatore accompagnerà il rifiuto fino all’impianto destinatario (in basso sarà contrassegnato “copia þ Destinatario”; arrivato a destinazione il documento verrà poi firmato dal destinatario per accettazione e sarà da lui stesso trattenuto.

Il destinatario provvederà a fotocopiare il documento completo in ogni sua parte e:

  • Una copia (ex terza copia) verrà consegnata al trasportatore che provvederà a fornirne una copia all’intermediario / intermediari eventualmente coinvolti.
  • Un’ulteriore copia (ex quarta copia) verrà consegnata dal trasportatore al produttore anche mezzo pec, dovendosi continuare a rispettare le disposizioni dell’art. 193, comma 4 del D.Lgs 152/2006.

Tutti i soggetti interessati devono conservare le loro copie (originali e/o fotocopie) per 3 anni.


06-03 2021

ATTIVITA’ DI GESTIONE DI RIFIUTI NON AUTORIZZATA: LA SUPREMA CORTE CONFERMA LE SANZIONI IN RELAZIONE AI REATI DI CUI ALL’ ART 256 COMMA 1 E 3 DEL D.LGS 152/2006.


06-03 2021

Albo Nazionale Gestori Ambientali, circolare n. 3 del 11 febbraio 2021 "Proroga stato di emergenza".


06-03 2021

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI, Deliberazione n. 4 del 22 dicembre 2020.

Applicazione articolo 183, comma 1, lettera b-ter), del decreto legislativo3 aprile 2006, n. 152


16-01 2021

Albo Nazionale Gestori Ambientali, circolare n. 14 del 10 dicembre 2020 proroga la validità delle iscrizioni all’Albo.


12-12 2020

Registro Elettronico Nazionale per la tracciabilità dei rifiuti (REN), previsto dal D.L. 135/2018 e D.Lgs 116/2020.


05-12 2020

ABBANDONO E DEPOSITO INCONTROLLATO DI RIFIUTI – RESPONSABILITA’ DEL PROPRIETARIO – INSUSSISTENZA. TAR PIEMONTE 712/2020


01-11 2020

DEPOSITO TEMPORANEO DEI RIFIUTI

Limiti temporali e quantitativi di detenzione


31-10 2020

Gestione rifiuti, la partecipazione ad una gara di appalto è subordinata al possesso congiunto dell’iscrizione all’Albo Nazionale dei Gestori Ambientali e dei codici E.E.R. richiesti per il servizio.


24-10 2020

SENTENZA TAR CAMPANIA N. 3840/2020 – ABBANDONO RIFIUTI:

LA RESPONSABILITA’ NELL’ATTO ILLECITO DEVE ESSERE ACCERTATA IN CONTRADDITTORIO TRA IL PROPRIETARIO DEL TERRENO E IL COMUNE.


28-09 2020

DECRETO LEGISLATIVO 3 settembre 2020 , n. 116 .

Attuazione della direttiva (UE) 2018/851 che modifica la direttiva 2008/98/CE relativa ai rifiuti e attuazione della direttiva (UE) 2018/852 che modifica la direttiva 1994/62/CE sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio.


08-08 2020

EFFETTUARE LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE E ABBANDONARE I RIFIUTI O DEPOSITARLI IN MODO INCONTROLLATO E’ PUNIBILE AI SENSI DELL’ART 256 COMMA 2 DEL D.LGS N.152 DEL 3 APRILE 2006 - SENTENZA 17281/2020.


30-07 2020

LA LEGGE DI CONVERSIONE DEL DL 34/2020 RIPRISTINA LA NORMATIVA SUL DEPOSITO TEMPORANEO DEI RIFIUTI


03-07 2020

CARTA E CARTONE - CESSAZIONE DELLA QUALIFICA DI RIFIUTO, IL MATTM EMETTE LA BOZZA, SI ATTENDE LA PUBBLICAZIONE DEL DECRETO.


24-06 2020

CUBETTI DI PORFIDO DEFINITI RIFIUTI E NON SOTTOPRODOTTI SE ACCATASTATI FRAMMISTI A MATERIALE EDILE. SENTENZA 14746/2020


16-06 2020

LA CASSAZIONE CONFERMA IL DIVIETO DI MISCELAZIONE TRA RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI.


05-05 2020

Autofficina e Deposito incontrollato di rifiuti; il sequestro dell’area come provvedimento preventivo per evitare il proseguire dell’attività illecita.


03-05 2020

Deposito temporaneo dei rifiuti - con la pubblicazione dell'art. 113-bis della Legge 27/2020, vengono apportate delle integrazioni alla norma sul limite quantitativo e temporale


24-04 2020

DM n. 182 del 19 novembre 2019  Regolamento recante la disciplina dei tempi e delle modalità attuative dell'obbligo di gestione degli pneumatici fuori uso


18-04 2020

IL DEPOSITO TEMPORANEO INCONTROLLATO PUO’ ESSERE CONTESTATO SOLTANTO PRESSO IL PRODUTTORE


28-03 2020

EMERGENZA CoVid -19 - indicazioni generali per la gestione dei rifiuti (consiglio SNPA del 18 e 23 marzo 2020).


22-03 2020

Esclusione degli sfalci e potature dalla normativa sui rifiuti, solo se riutilizzati come biomassa per produrre energia o in agricoltura.


18-03 2020

DECRETO-LEGGE 17 marzo 2020 , n. 18 PROROGA SCADENZE ADEMPIMENTI AMBIENTALI


07-03 2020

IL CONSOLIDATO PRINCIPIO DELLA RESPONSABILITA’ CONDIVISA NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI (SENTENZA N. 5912/2019)


29-02 2020

DICHIARAZIONE MUD ANNO 2020  (RIF. ANNO 2019) CONFERMATA LA SCADENZA DEL 30 APRILE 2020


22-02 2020

LA QUALIFICAZIONE DI RIFIUTO NON VIENE MENO ATTRIBUENDO ALLO STESSO UN VALORE ECONOMICO


16-02 2020

ABBANDONO RIFIUTI CONFERMATO DAL TAR DI PESCARA L'OBBLIGO DI VERIFICARE LA RESPONSABILITA' DEL PROPRIETARIO DELL'AREA


10-02 2020

IL MANCATO RISPETTO DELLE PRESCRIZIONI AUTORIZZATIVE SANZIONATO DA ART. 256 COMMA 4 D.LGS 152/2006


24-09 2019

ABBANDONO DI RIFIUTI SU AREA PRIVATA COMPETENZA DELL’ORDINANZA SINDACALE


15-12 2018

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 290 del 14.12.2018 è stato pubblicato il D.L. n. 135 titolato “disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazione “, che a partire dal1 gennaio 2019 sospende l’operatività del SISTRI.


07-08 2018

IL COMITATO NAZIONALE DELL'ALBO GESTORI AMBIENTALI DEFINISCE IL NUOVO MODELLO DA UTILIZZARE AI FINI DELLA DOMANDA DI VARIAZIONE DELL'ISCRIZIONE NELLA SOTTOCATEGORIA 2-TER PER L'INSERIMENTO TEMPORANEO DI VEICOLI


06-07 2018

La delibera n. 2 del 24 aprile 2018 del Comitato Nazionale dell'Albo Gestori Ambientali detta i criteri e i requisiti per l'iscrizione all'Albo Gestori delle imprese che effettuano attività di raccolta e trasporto di rifiuti non pericolosi costituiti da metalli ferrosi e non ferrosi ai sensi dell'art. 1, comma 124, della legge 4 agosto 2017, n. 124.


25-06 2018

Regolamento recante disciplina della cessazione della qualifica di rifiuto di conglomerato bituminoso ai sensi dell'articolo 184-ter, comma 2 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152. 


07-04 2018

Sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea è stata pubblicata la Rettifica della decisione 2014/955/UE della Commissione, del 18 dicembre 2014, che modifica la decisione 2000/532/CE relativa all'elenco dei rifiuti ai sensi della direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio (Gazzetta ufficiale dell'Unione europea )


18-03 2018

Circolare ministeriale recante “Linee guida per la gestione operativa degli stoccaggi negli impianti di gestione dei rifiuti e per la prevenzione dei rischi”


16-01 2018

Pubblicato il DPCM che approva il nuovo Modello Unico di Dichiarazione ambientale per l’anno 2018.


30-12 2017

Trasporto intermodale dei rifiuti: indicazioni operative nel parere Prot.1235/Albo del 4/12/2017


05-12 2017

E' PRONTA LA BOZZA DEL REGOLAMENTO MINISTERIALE PER LA CESSAZIONE DELLA QUALIFICA DI RIFIUTO DEL FRESATO DI ASFALTO


05-12 2017

Il reato di cui ALL'ART. 256, comma 2 , D.lgs n.152/2006, si configura nei confronti di chiunque abbandoni rifiuti NELL'AMBITO di UN'ATTIVITA'  economica


15-11 2017

 LA RESPONSABILITA’ PER GESTIONE ILLECITA DI RIFIUTI RICADE SUL TITOLARE O RESPONSABILE DELL’IMPRESA PER IL FATTO COMMESSO DAL DIPENDENTE.   


03-11 2017

responsabilita'  PRODUTTORE E CONSEGNA A TERZI NON AUTORIZZATI : SENTENZE N.31351 DEL 27/06/17 E N.38981 DEL 08/08/17,III SEZ. PENALE


25-10 2017

Delibera n.9 del 9/10/2017 Albo Gestori Ambientali: cessione temporanea di veicoli tra imprese per l'esercizio dei trasporti transfrontalieri dei rifiuti


18-10 2017

Il reato di trasporto illecito di rifiuti ha natura istantanea e si realizza anche con una singola condotta tipica. Cass. Sez. III n. 44438/2017


18-10 2017

ISPRA: nuove linee guida per gli appalti verdi della pubblica amministrazione


16-10 2017

whistleblowing, segnalazione di illeciti, il testo al vaglio del senato per L'approvazione


16-10 2017

DEPOSITO TEMPORANEO DI RIFIUTI E INOSSERVANZA  DELLE CONDIZIONI


13-10 2017

LA RESPONSABILITA' DI GESTIONE ILLECITA RIFIUTI RICADE SUL TITOLARE/RESPONSABILE dell' impresa PER FATTO COMMESSO DAL DIPENDENTE


13-10 2017

Raccolta e trasporto rifiuti solidi urbani esercitata NELL'INTERESSE dei Comuni tra passato e presente


27-09 2017

Centri di raccolta comunali di rifiuti solidi urbani: facciamo chiarezza


20-09 2017

Nozione di rifiuto: la Corte di Cassazione torna sul concetto del disfarsi con la la sentenza n.5442 06/02/17, III Sez. Penale 


05-09 2017

 ATTIVITA' DI RAGGRUPPAMENTO E ABBRUCIAMENTO DI MATERIALI VEGETALI – CASI AMMESSI E CASI SANZIONATI COME REATO


05-09 2017

L'ISCRIZIONE ALL'ALBO DEI GESTORI AMBIENTALI E' UN REQUISITO DI PARTECIPAZIONE E NON DI ESUCUZIONE


21-08 2017

Cassazione Penale  n.16431  del 31 marzo 2017: i rifiuti da costruzione e demolizione non possono essere qualificati sottoprodotti.   


21-08 2017

 Sentenza Corte di Cassazione 8 maggio 2017, n.22156 , in materia di gestione dei rifiuti viene ribadito il precedente orientamento giurisprudenziale


21-08 2017

Il nuovo Regolamento sulla semplificazione della gestione delle terre e rocce da scavo


18-07 2017

DM  9 marzo 2017, n.68 Regolamento sulla modalita'  di prestazione delle garanzie finanziarie da parte dei produttori di AEE


11-07 2017

Trasporto rifiuti: F.i.r. e certificato di analisi. Differente  natura e valore giuridico 


14-06 2017

Albo Nazionale Gestori Ambientali: il Comitato Nazionale torna sulla disciplina del trasporto dei transfrontalieri cat.6


31-05 2017

 Il Tar Marche con sentenza n. 672 Sezione I del 28/11/2016 ribadisce la corretta definizione DELL'ATTIVITA' di intermediazione di rifiuti


24-05 2017

Acque provenienti da ATTIVITA' produttive considerate acque reflue industriali, il loro sversamento integra il reato di scarico abusivo  


19-05 2017

Tar Lombardia (BS)  Sez. I  n. 48 del 17 gennaio 2017 : il proprietario del terreno su cui insistono rifiuti risponde della loro gestione.


26-04 2017

Gestione illecita di rifiuti. Il trasporto di rifiuti senza autorizzazione e' un reato comune e non proprio


20-04 2017

Tar Sicilia (CT)  Sez.I  n. 18 del 9 gennaio 2017: Centro di raccolta differenziata


13-04 2017

 Modello Unico di Dichiarazione Ambientale dei Rifiuti (MUD 2017): soggetti obbligati ed esenzioni


13-04 2017

e' fatto divieto utilizzare per il trasporto dei rifiuti veicolo in disponibilita'  di imprese diverse se pur entrambe iscritte all'albo nazionale dei gestori ambientali


28-03 2017

Legge 19 agosto 2016, n.166. Nuove regole anche per gli abiti usati: facciamo il punto


13-03 2017

 Pronunce della Corte di Cassazione sui liquami zootecnici e letame: esclusione dalla normativa rifiuti


22-02 2017

Pronuncia della Corte di Cassazione sulla violazione/inosservanza  prescrizioni contenute o richiamate nelle autorizzazioni in materia di gestione rifiuti


22-02 2017

ATTIVITA' di gestione rifiuti. La Corte di Cassazione con sentenza 24 marzo 2016, n.12473 si pronuncia in merito al trasporto dei rifiuti


03-02 2017

Pubblicato comunicato del Ministero dell'Ambiente, G.U. nr. 19 del 24/01/2017, per Bando bonifica amianto negli edifici pubblici


03-02 2017

Lo spandimento/deposito di rifiuti inerti da demolizione su un terreno configura un'operazione di smaltimento/recupero


03-02 2017

DEFINIZIONE DI RIFIUTO: " IL CONCETTO DEL DISFARSI" - INTERPRETAZIONE "OGGETTIVA" E "SOGGETTIVA"


14-01 2017

Pile ed accumulatori: Gestione diversa dai Raee,  il CDCNPA garantisce il ritiro su tutto il territorio nazionale presso i centri d raccolta comunali


07-01 2017

Sfalci e potature Rifiuti o non rifiuti? NOVITA' SUL REGIME GIURIDICO DEI MATERIALI VEGETALI NON PERICOLOSI


30-12 2016

IL TRASPORTO DI RIFIUTI SENZA AUTORIZZAZIONE E' UN REATO ISTANTANEO, anche con una sola condotta di trasporto priva di autorizzazione


17-12 2016

RIFIUTI - VEICOLI FUORI USO 

Corte di Cassazione Penale, Sezione III-Sentenza n.47262 del 16 novembre 2016 


15-11 2016

Accordo Multilaterale M287 in accordo alla sezione 1.5.1 ADR sul trasporto di alcuni rifiuti contenenti merci pericolose


12-11 2016

iscrizione dei consorzi di scopo nella categoria 9 classe A  (bonifica dei siti) 


25-10 2016

AGEVOLAZIONI PER CHI SMALTISCE ETERNIT DAL 1/1/2016 AL 31/12/2016 -  D.M. Ambiente 15 giugno 2016, G.U. del 17 ottobre 2016, n. 243


02-06 2016

PUBBLICATO IL NUOVO REGOLAMENTO SISTRI


28-12 2015

MUD 2016: CONFERMATO IL MODELLO DEL 2015 APPROVATO CON DPCM 17.12.2014


27-12 2015

PROROGATO IL TERMINE PER L'ADEGUAMENTO DEL SISTRI 


26-12 2015

Introdotto il divieto di abbandono dei "Rifiuti di prodotti da fumo e rifiuti di piccolissime dimensioni"


26-12 2015

Il disegno di legge 2093-B esclude l'applicazione dell'art. 266, comma 5 del D.Lgs 152/2006 agli ambulanti 


14-09 2015

Il Centro di Coordinamento RAEE fissa le caratteristiche di pericolosita'


02-08 2015

ADR 2015 IL TRASPORTO DEGLI IMBALLAGGI PERICOLOSI CLASSIFICATI CON IL CER 150110*


08-07 2015

DECRETO-LEGGE 4 luglio 2015, n. 92Misure urgenti in materia di rifiuti


03-07 2015

Approvato il modello unificato AUA in vigore dal 30 giugno 2015 


14-06 2015

Articolo 212, comma 8, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152.


02-06 2015

E' entrata in vigore la Legge 68/2015 


22-05 2015

E' stata pubblicata la procedura per riclassificare i rifiuti 


10-05 2015

Disponibilità dei veicoli ai fini dell’iscrizione all’Albo


25-04 2015

Pubblicate le modalità per la cancellazione


09-02 2015

la nuova classificazione dei rifiuti


30-01 2015

contributo sistri anno 2015


20-01 2015

Pubblicato il nuovo modello unico ambientale MUD 2015 


18-01 2015

PUBBLICATA LA NUOVA GUIDA CONAI 2015 


06-01 2015

Entrerà in vigore il 1 giugno 2015 e vedrà l'inserimento 


05-01 2015

Sanzioni SISTRI  ed altro con il milleproroghe di fine anno


30-11 2014

In arrivo la proroga al 31/12/2015 del sistema “Doppio Binario” SISTRI


23-11 2014

articolo tratto da www.ambiente.it


18-11 2014

ADR 2015 INSERITO IL NUOVO CAPITOLO 1.1.3.10 ESENZIONI RELATIVE AL TRASPORTO DELLE LAMPADE CONTENENTI MERCI PERICOLOSE


18-10 2014

Il deposito temporaneo dei rifiuti é ammesso in luogo diverso purché funzionalmente collegato al luogo di produzione, lo ha ribadito la Corte di Cassazione con sentenza n. 38676/2014.


14-10 2014

i soggetti obbligati e non alla tenuta del registro di carico e scarico rifiuti


01-10 2014

Agli imballaggi vuoti CER 150110* è stato assegnato l'ONU 3509


28-09 2014
D.L. 91/2014, conv. con mod. dalla L. 11/8/ 2014, n. 116 

28-09 2014

La nuova direttiva che modifica le direttive 2008/98/CE relativa ai rifiuti, 94/62/CE sugli imballaggi e i
rifiuti di imballaggio, 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti, 2000/53/CE relativa
ai veicoli fuori uso, 2006/66/CE relativa a pile e accumulatori e ai rifiuti di pile e
accumulatori e 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche


21-09 2014

Note alla sentenza Cass. Sez. III Penale n. 30910/2014


17-09 2014

l'attestazione che sostituisce la perizia del mezzo


07-09 2014

ADR 2013 - Le istruzioni scritte

La Sezione 5.4.3 dell’ADR 2013 prevede che siano presenti a bordo del mezzo adibito al trasporto delle merci pericolose le istruzioni scritte e che siano prontamente disponibili all’interno della cabina di guida.


25-08 2014

L'art. 13 della Legge 116 del 11 agosto 2014, in sede di conv. del D.L. 91/2014, ha modificato l'art. 242-bis Procedura semplificata per le operazioni di bonifica, che semplifica la procedura ed accorcia i tempi di approvazione del progetto di bonifica presentato dall'interessato che intende effettuare a proprie spese gli interventi di bonifica, volti alla riduzione della contaminazione, ovvero a riportare i valori al di sotto della CSC. 


23-08 2014

PUBBLICATO IL NUOVO REGOLAMENTO ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI  


20-08 2014

Testo del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 144 del 24 giugno 2014), coordinato con la legge di conversione 11 agosto 2014, n. 116.


04-08 2014

L’articolo 184-ter, disciplina la “Cessazione della qualifica di rifiuto”, dettando così le condizioni affinché cessi di essere tale.


26-07 2014

 (Cass 29992/2014) I giudici della Cassazione intervengono sul tema


19-07 2014

Le garanzie vanno prestate soltanto dopo l'ultimazione dell'impianto.


13-07 2014

Circolare 13338 del 14/05/2014


05-07 2014

Il produttore iniziale dei rifiuti  conserva la responsabilità per l'intera catena di trattamento, colui che conferisce i propri rifiuti a soggetti terzi per il recupero o lo smaltimento ha il dovere di accertare che questi ultimi siano debitamente autorizzati allo svolgimento delle operazioni, con la conseguenza che l'inosservanza di tale regola di cautela imprenditoriale è idonea a configurare la responsabilità per il reato di illecita  gestione di rifiuti in concorso con coloro che li hanno ricevuti in assenza del prescritto titolo abilitativo


30-06 2014

L’amministratore risponde dell’illecita gestione dei rifiuti posta in essere dai dipendenti  


29-06 2014

Non è dovuto da chi non è obbligato ad aderire al SISTRI


29-06 2014

Per la Suprema Corte non sono scarichi domestici le acque reflue provenienti dagli studi odontoiatrici


29-06 2014

Rivisitato il reato di combustione


25-06 2014

Il trasporto conto proprio è un "minus" rispetto al conto terzi


25-06 2014

Condotta omissiva del proprietario se l'affittuario abbandona i rifiuti.


25-06 2014

Cartucce toner ed ink-jet esauste, sono rifiuti e non sottoprodotti


24-06 2014

La responsabilità del committente per illecita gestione dei rifiuti prodotti dall’appaltatore


22-06 2014

Pubblicata la nuova guida CONAI 2014


22-06 2014

le fibre artificiali vetrose


18-06 2014

Il reato di combustione illecita di rifiuti


18-06 2014

Pubblicato il nuovo Regolamento (CE) sui gas fluorurati a effetto serra


11-06 2014

materiali di riporto e ulteriori disposizioni in materia di rifiuti 


11-06 2014

Art. 41-bis, Legge 9 agosto 2013, n. 98. Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, recante disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia.

 


11-06 2014

Con il D.Lgs n. 49 del 14 marzo 2014 “Attuazione della direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE)” che sostituisce in parte il D.Lgs. 151/2005, i pannelli fotovoltaici dismessi entrano a far parte delle tipologie di RAEE domestici e professionali.


SERVIZI