Iscrizione ALBO Gestori Ambientali: requisito di partecipazione e non di esecuzione delle gare pubbliche

Prendendo spunto dalla sentenza n.1825 del 19 aprile 2017  della V Sezione del Consiglio  di Stato  esaminiamo la normativa  vigente e la giurisprudenza sul punto.

Trattasi di una questione  particolarmente delicata ed importante che ha animato il dibattito dottrinale sulla base di quelle che sono state le pronunce giurisprudenziali  susseguitesi nel tempo le quali, si sono poste in contrasto con quello che è stato l’orientamento dell’Anac fino ad oggi  che ha sempre sostenuto che  l’iscrizione all’Albo Nazionale  dei Gestori Ambientali non costituisse un requisito di gara ovvero un requisito soggettivo di partecipazione ma soltanto un requisito di esecuzione alle gare nell’ambito dello svolgimento delle diverse attività di gestione dei rifiuti ovvero raccolta, trasporto , bonifica dei siti.

Partendo da questo assunto l’autorità di vigilanza ha più volte stabilito che i bandi di gara pubblica possono contenere una specifica clausola in base alla quale non si procederà alla fase di stipula del contratto qualora l’impresa aggiudicatrice non abbia, nel contempo, acquisito il possesso della relativa iscrizione/autorizzazione all’Albo; in altre parole il requisito di iscrizione all’Albo non è va considerato come un requisito di idoneità che va posseduto al momento della presentazione della domanda di partecipazione ad una gara pubblica ma solo un requisito di esecuzione (cfr. pareri n.221 e n.152 del2015).

Ma con il Comunicato 27 luglio 2017 l’Autority ha modificato il suesposto consolidato orientamento fornendo una nuova posizione interpretativa secondo la quale il requisito dell’iscrizione all’Albo gestori ambientali deve essere posseduto già ala scadenza del termine di presentazione delle offerte e non al  momento di assumere il servizio cioè esso va considerato come requisito di partecipazione e non di esecuzione; a tale nuova posizione interpretativa l’Anac è giunta proprio in considerazione della sentenza n.1825 del 19 aprile 2017 del Consiglio di Stato. 

Alle medesime posizioni è giunta la giurisprudenza amministrativa  secondo la quale,  l’iscrizione all’Albo Nazionale dei Gestori Ambientali, costituisce un requisito generale basato sull’ esperienza e sull’idoneità aziendale ad eseguire il tipo di commesse a cui si partecipa e, in quanto tale, il necessario titolo autorizzativo da possedere in ragione della partecipazione a commesse pubbliche  costituisce una sorta di pre-condizione a monte dell’attività di gestione dei rifiuti.

In particolare il Tar Abruzzo con sentenza del 26 luglio 2016 n.285 stabiliva che se è pur vero che nessuna disposizione di legge o regolamento prescrive che i bandi di gara debbano richiedere l’iscrizione all’Albo quale requisito di partecipazione, nondimeno va considerato che la necessità di richiedere tale requisito sia imposta  da valutazioni logiche, prima che giuridiche, in quanto, in caso contrario, si consentirebbe ad un soggetto di partecipare e magari di aggiudicarsi un lavoro, pur se il medesimo risulti poi privo dei requisiti necessari a poter eseguire il lavoro stesso.

Quindi il Tar dell’Abruzzo ha affermato che il bando di gara avrebbe dovuto prevedere detta iscrizione  quale requisito di partecipazione in quanto,sostenere il contrario, ovvero, che tale iscrizione deve essere considerata come requisito che si possa acquisire successivamente alla partecipazione alla gara cioè solo in fase di eventuale stipula ed esecuzione del contratto, sarebbe illogico e contrario ai principi di certezza e celerità dell’azione amministrativa, in quanto potrebbe verificarsi il paradosso di ammettere ed eventualmente aggiudicare una commessa, accettando il rischio di rendere inutile e vana l’intera procedura qualora l’aggiudicatario non sia in grado di acquisire in tempo utile oppure perché mancante dei necessari requisiti in via assoluta, il titolo autorizzativo.

 Tale pronuncia in primo grado veniva appellata dal soggetto partecipante ed escluso dalla gara ma il Consiglio di Stato con la pronuncia n.1825 del 19 aprile 2017 confermava la posizione ed il consolidato orientamento dei giudici amministrativi di primo grado.

In particolare, secondo il supremo consesso, se è vero che l’articolo 212 , comma 5,del Dlgs 3 aprile 2006, n.152, afferma che l’iscrizione all’Albo è un requisito per lo svolgimento dell’attività, è pur vero che si tratta di un requisito speciale di idoneità professionale che va posseduto già alla scadenza del termine di partecipazione  delle offerte e non al momento di assumere il servizio; pertanto i bandi di gara possono  e debbono contenere quale requisito di partecipazione l’esistenza dell’iscrizione all’Albo dei gestori ambientali per adeguata categoria e classe.

In altre parole è l’ordinamento delle pubbliche commesse a specificare quali debbano essere i requisiti soggettivi pertinenti per la partecipazione a gara e che, il requisito dell’iscrizione all’Albo, è un requisito speciale di idoneità professionale da vagliare ai sensi dell’articolo 39 D.lgs n.163/2006.

In conclusione, secondo la giurisprudenza più recente, l’iscrizione all’Albo gestori ambientali può essere considerato fra i requisiti di capacità tecnico- professionale richiesti per partecipare ad una gara dalla normativa sugli appalti pubblici (vedi art.83, Dlgs 50/2016) laddove è lo stesso ordinamento delle pubbliche commesse, ovvero il Codice degli appalti, a specificare quali debbano essere i requisiti soggettivi necessari e pertinenti per la partecipazione a gara; tutto ciò è confermato dall’articolo 89, comma 10, del citato codice appalti che esclude la possibilità di dimostrare il possesso dell’iscrizione all’Albo mediante l’istituto dell’avvalimento  confermando, pertanto, che tale requisito va posseduto prima del termine di presentazione delle offerte nell’ambito delle procedure di partecipazione a pubbliche commesse.        

 20/09/2017

 Dr. Gianpietro Luciano

 www.consulenzagestionerifiuti.it

Riprodurre integralmente o parzialmente il presente testo senza citare l'autore e la fonte, è reato ai sensi della Legge 633/1941 s.m.i. con Legge 248/2000.

ALTRI ARTICOLI SIMILI
12-07 2022

Obbligo di nominare il Consulente ADR anche per gli Speditori entro il 1 gennaio 2023

E’ fissato al 31/12/2022 il termine del periodo transitorio, iniziato il 1 luglio 2019, che obbliga gli speditori a provvedere alla nomina del consulente ADR entro il 1 gennaio 2023

La nuova edizione dell’ADR 2019 che disciplina il trasporto di merci pericolose su strada,introduce importanti modifiche rispetto alla precedente edizione.

Annoveriamo tra le più significative ”la nomina di un consulente ADR per tutti gli speditori “ affinché possano avere un valido supporto nella gestione degli obblighi che gravano su di essi ed evitare le sanzioni previste nel caso di una gestione non conforme alle spedizioni.

Ricordiamo che lo speditore, definito dalla sottosezione 1.2.1. dell’ADR, è “l’impresa che spedisce merci pericolose per c/proprio o per c/terzi. Quando il trasporto è effettuato sulla base di un contratto di trasporto, il fornitore del servizio secondo questo contratto è considerato come speditore.”

La mancata nomina del Consulente ADR è disciplinata e sanzionata dal D.Lgs 35/2010- Attuazione della direttiva 2008/68/CE, relativa al trasporto interno di merci pericolose:

Art. 11 - Consulente alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose

2. Il legale rappresentante dell'impresa la cui attività comporta trasporti di merci pericolose, oppure operazioni di imballaggio, di carico, di riempimento o di scarico, connesse a tali trasporti,nomina un consulente per la sicurezza.

  3. Entro quindici giorni dalla nomina di cui al comma 2, il legale rappresentante comunica le complete generalità del consulente nominato all'ufficio periferico del Dipartimento per il trasporto, la navigazione ed i sistemi informativi e statistici del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti competente in relazione al luogo in cui ha sede l'impresa.

 

Art. 12 - Sanzioni relative al consulente alla sicurezza

1. Il legale rappresentante dell'impresa che viola le disposizioni dell'articolo 11, comma 2, e' punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da 6.000 euro a 36.000 euro.

  2. Il legale rappresentante dell'impresa che viola le disposizioni di cui all'articolo 11, commi 3 e 6, è punito con  la sanzione amministrativa pecuniaria da 2.000 euro a 12.000 euro.

12/07/2022, A disposizione per eventuali chiarimenti.

www.consulenzagestionerifiuti.it



08-02 2022

MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2022

Il MUD 2022, ossia la comunicazione che enti e imprese presentano ogni anno indicando quanti e quali rifiuti hanno prodotto e/o gestito durante il corso dell’anno precedente, è stata approvata con D.P.C.M. del 17 dicembre 2021 , pubblicato in GU Serie Generale n. 16 del 21-01-2022- Suppl. Ordinario n. 4. In base all’articolo 6 comma 2 bis della Legge 25 gennaio 1994 n. 70, il termine per la presentazione del modello è fissato in 120 giorni a decorrere dalla data di pubblicazione e quindi il 21 maggio 2022.

Confermate:

-          Le modalità di presentazione, via telematica o pec

-          La struttura del modello articolato in sei comunicazioni:

  • Rifiuti
  • Veicoli fuori uso
  • Imballaggi
  • Raee
  • Urbani
  • Aee

Nulla è cambiato in merito agli importi e alle modalità di pagamento dei diritti che potranno essere versati con Telemaco Pay e carta di credito e con PagoPa. Quest'ultima possibilità è esclusiva laddove l'invio della comunicazione venga effettuato via PEC (MUD Semplificato e Comunicazione Rifiuti Urbani).

Le principali modifiche sono di seguito elencate:

- Inserimento nella Sezione Anagrafica di una nuova scheda "Riciclaggio" da compilarsi da parte di tutti i soggetti che effettuano operazioni di preparazione per il riutilizzo e/o riciclaggio finale sui rifiuti urbani e/o rifiuti di imballaggio o su rifiuti derivanti da pretrattamenti di rifiuti urbani e/o rifiuti di imballaggio anche di provenienza non urbana, che producono materie prime seconde, end of waste, prodotti e materiali dall'attività di recupero;

- Tra i soggetti tenuti alla presentazione e compilazione della Comunicazione Rifiuti Urbani, sono stati inseriti i soggetti che per effetto dell'art. 198, comma 2-bis del Dlgs 152/2006, si occupano della raccolta di rifiuti urbani (art. 183, comma 1, lettera b ter), punto 2) conto terzi presso le utenze non domestiche che dovranno compilare alcune parti della Comunicazione, in particolare il "modulo RT-non Pub" (rifiuti raccolti al di fuori del servizio urbano di raccolta) allegato alla scheda RU;

- La scheda "CG- costi di gestione" della Comunicazione Rifiuti Urbani è stata revisionata per garantire una maggiore facilità nella compilazione: in particolare è stata data la possibilità di inserire valori con tre cifre decimali e di inserire valori negativi ad alcune voci;

Sono state apportate integrazioni alle ISTRUZIONI, con particolare riguardo alle indicazioni per la compilazione delle nuove schede implementate e per chiarire meglio la definizione riguardante i rifiuti urbani di cui all'art. 183, comma 1, lettera b ter), punto 2) del Dlgs 152/2006.

(Fonte: Ecocamere)

 


13-12 2021

Il produttore di rifiuti e i precisi obblighi di accertamento, sentenza n. 35410 del 24 settembre 2021.

Nella sentenza n. 35410 del 24 settembre 2021 della Corte di Cassazione, trova corretta applicazione il principio secondo cui “affidare rifiuti a soggetti terzi al fine del loro smaltimento comporta, per il soggetto che conferisce tale compito, obblighi di accertamento tra cui, in particolare la verifica dell’esistenza in capo al medesimo delle autorizzazioni e competenze necessarie per eseguire l’incarico”.

Nel caso in questione, il ricorrente aveva affidato ad altro soggetto, dietro compenso e in presenza di testimoni il compito di smaltire rifiuti speciali non pericolosi e nello specifico un bancone di legno prodotto da attività di impresa, senza verificare l’esistenza di una specifica autorizzazione ai fini del trasporto e dello smaltimento/recupero.

Breve ricostruzione del fatto: su una pubblicavia sarebbe stato rinvenuto l’abbandono di tali rifiuti configurandosi, secondo gli imputati, un deposito temporaneo, poi, dopo qualche giorno, gli stessi non si trovavano più nel luogo dove erano stati inizialmente rinvenuti ed erano stati smaltiti bruciandoli.

All’imputato è stato contestato l’abbandono di rifiuti svolto in attività d’impresa e l’aver affidato i rifiuti a terzi non autorizzati, ovvero a titolo di culpa in eligendo, per non aver richiesto e non essersi accertato delle autorizzazioni possedute dal terzo gestore, risultato poi essere non autorizzato al trasporto e di aver smaltito i rifiuti in modo illecito.

Pertanto, ai fini di una corretta gestione dei rifiuti, il produttore deve preventivamente accertarsi delle autorizzazioni del trasportatore e dell’impianto destinatario di cui si avvale.