VIDIMAZIONE VIRTUALE DEL FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO: OPERATIVA DALL’8 MARZO 2021

VIDIMAZIONE VIRTUALE DEL FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO: OPERATIVA DALL’8 MARZO 2021

A partire da lunedì 8 marzo 2021 trova applicazione il comma 5 dell’art 193 del D. Lgs 152/2006 nella nuova formulazione introdotta dal D. Lgs 116/2020 che prevede, in alternativa alle usuali modalità di vidimazione del formulario d’identificazione dei rifiuti, la possibilità di generare formulari già vidimati in un formato conforme a quello attuale e quindi previsto dal DM 145/198.

Con il nuovo sistema, i formulari prodotti dovranno essere stampati e vidimati in duplice copia;

la vidimazione consiste in un numero univoco indicato in basso sul FIR affiancato da un Qr Code che permette di individuare velocemente il soggetto che lo ha generato.

Il servizio che prende il nome di ViViFir è stato realizzato da Ecocerved/Unioncamere con il supporto del Comitato dell’Albo Nazionale Gestori Ambientali.

Le imprese e gli enti potranno operare autonomamente previa registrazione, il servizio è gratuito ed è reso disponibile dalle Camere di Commercio.

L’utente potrà richiedere la generazione del numero univoco da riportare sul proprio formulario di identificazione del rifiuto, in due modalità:

1.     On line, per produrre un modello prefincato conforme al formato di legge.

E’ possibile accedere direttamente dal portale www.ecocamere.it o attraverso il link https://vivifir.ecocamere.it

a) L’accesso al servizio è effettuato da un utente (persona fisica) che si autentica mediante identità digitale (Carta Nazionale dei Servizi o SPID) e indica l’impresa o l’ente per conto della quale intende operare.

Effettuato l’accesso (registrazione) la persona riceve la richiesta di confermare l’attivazione dell’utente all’indirizzo e-mail indicato in fase di registrazione.

Nel caso di impresa il sistema Vi.Vi.Fir verifica mediante interfaccia con il Registro delle Imprese, che la persona abbia titolo a rappresentare l’impresa; nel caso di ente viene inviata una richiesta di conferma della delega all’indirizzo istituzionale presente in Indice PA.

b) Il rappresentante dell’impresa o dell’ente, una volta inseriti i dati anagrafici può operare in prima persona oppure mediante la schermata “Rappresentanti e Delegati”:

c) Delegare, mediante il pulsante aggiungi delega, uno o più persone, che accederanno anch’esse tramite autenticazione (nominativo e codice fiscale), ed avranno la stessa visibilità del rappresentante. Anche i delegati accederanno con CNS o SPID e potranno a loro volta delegare altre persone interne o esterne all’organizzazione (sub delegati), ad esempio il consulente. Il sub delegato avrà però la possibilità di richiedere la vidimazione, esclusivamente, per una o più strutture interne all’impresa.

d) Mediante la funzione Configurazione → Strutture, il Rappresentante o delegato possono rappresentare l’articolazione dell’impresa, possono, ad esempio, (ma non è obbligatorio) inserire più unità locali o più aree territoriali alle quali assegneranno un nome o un codice per identificarle.

Ogni sub-delegato può essere associato ad una o più strutture.

e) Completata la configurazione, si passa alla vidimazione del formulario mediante la funzione  Formulari → Vidimazione Fir .

Importante: Se l’utente può operare per più imprese dovrà scegliere quella per cui intende procedere con la vidimazione.

-          1. Creare uno o più blocchi virtuali che possiamo assimilare ai blocchi di formulari prodotti dalla tipografia ai quali associare poi tutti i formulari; ad esempio avere un blocco per uno specifico mezzo e se utile può essere associato ad una struttura e solo il sub delegato associato alla struttura potrà operare su quel blocco. Ogni blocco sarà identificato da un codice e potrà essere eliminato in qualsiasi momento se ad esso non è stato associato alcun formulario o disattivato laddove ci siano formulari associati.

-          2. Cliccare poi su “Genera” per procedere con la generazione di uno o più nuovi FIR vidimati che saranno associati al blocco virtuale; l’utente potrà poi procedere alla generazione di altri formulari.

Tutti i formulari generati saranno poi visibili insieme alla data di richiesta e alle indicazioni della persona che li ha generati.

-          3. Cliccare sul PDF che si genera per visualizzare il formulario generato che potrà poi essere salvato sul pc.

Il numero univoco del formulario che attesta l’avvenuta vidimazione viene riportato sia nella parte superiore che inferiore del FIR; nella parte inferiore viene riportata anche la data di vidimazione, la Camera di Commercio che ha, virtualmente, effettuato la vidimazione e il QR Code che letto con uno smartphone riporta le stesse informazioni.

Le informazioni da inserire sul formulario e le modalità di compilazione non sono assolutamente cambiate.

A questo punto, l’utente potrà stampare il formulario e le informazioni possono essere inserite manualmente oppure stampare direttamente su di esso i dati precedentemente inseriti in un gestionale o in un file.

Il formulario viene stampato in due copie e delle due copie dei formulari generati, una copia firmata rimane presso il produttore e l’altra copia accompagna il rifiuto fino a destinazione.

Gli altri soggetti coinvolti ricevono una fotocopia del formulario completa in tutte le sue parti. Cliccando poi sui “tre puntini” in fondo alla riga della schermata da cui abbiamo proceduto alla stampa l’utente accede ad una pagina da cui può vedere oltre ai dati identificativi il numero di volte in cui ha effettuato il download del file o allungare il formulario. L’utente può per propria comodità barrare la casellina “non ancora utilizzato” che poi diventerà marcata “come utilizzato”; questa informazione è solo per l’utente.

Le copie del formulario devono essere conservate per tre anni.

Dalla pagina Formulari → Vidimazione FIR l’utente può vedere tutti i blocchi virtuali di formulari aperti ed eventualmente disattivati e riaprire ogni blocco per rivedere i formulati generati e ricercare i formulari in base a “denominazione e struttura” e alla data di utilizzo dei blocchi.

La funzione Formulari → Verifica, disponibile anche in “Area pubblica” consente a chiunque, dato un numero di formulario, di visualizzare le informazioni relative alla vidimazione.

 2.     Applicativamente, mediante interoperabilità attraverso il gestionale dell’utente e il servizio messo a disposizione dalle Camere di Commercio.

Le imprese che utilizzano per la compilazione dei registri e formulari un proprio sistema gestionale, possono accedere al servizio in modalità telematica per apporre il codice univoco su ogni formulario. Tali imprese potranno interfacciarsi, se il fornitore di sistema lo ha previsto, direttamente con esso. Il formulario potrà essere generato dal sistema gestionale e contenere i dati da esso recuperati.

Le imprese, a tal fine, dopo essersi registrate dovranno comunicare al fornitore del sistema il codice generato mediante la funzione Configurazione → Credenziali applicative → Cliccare su nuove credenziali e comunicare al produttore del software i due identificativi generati dal sistema.

E’ importante sottolineare che ViViFir non è una applicazione per compilare il formulario, non parliamo di un formulario digitale, ma è un ‘applicazione per generare e vidimare autonomamente il formulario di identificazione del rifiuto.

E’ una soluzione transitoria, in attesa del Registro Elettronico Nazionale nella tracciabilità dei rifiuti, che convive con il tradizionale formulario cartaceo in 4 copie e permette ad un’impresa di avere in tempo reale tutti i formulari di cui necessita senza recarsi fisicamente presso la Camera di Commercio per la vidimazione dei  formulari; comporta quindi vantaggi in termini di riduzione dei costi e impatto ambientale.

VIVIFIR, la gestione delle copie.

Con Vivifir i formulari sono prodotti in formato PDF/A, uno standard nazionale previsto dalla norma ISO:19005 che consentirà di visualizzare il documento sempre allo stesso modo anche a distanza di tempo e con software diversi.

Il documento potrà essere emesso e compilato sia dal produttore (o detentore del rifiuto) che dal trasportatore e verrà stampato, come già anticipato, in duplice copia (sarà comunque sufficiente fare una fotocopia):

-  La prima firmata dal produttore e controfirmata dal trasportatore resterà al produttore (in basso sarà contrassegnata “copia  þ Produttore” .

-  La seconda, anch’essa firmata in originale dal produttore e dal trasportatore accompagnerà il rifiuto fino all’impianto destinatario (in basso sarà contrassegnato “copia þ Destinatario”; arrivato a destinazione il documento verrà poi firmato dal destinatario per accettazione e sarà da lui stesso trattenuto.

Il destinatario provvederà a fotocopiare il documento completo in ogni sua parte e:

  • Una copia (ex terza copia) verrà consegnata al trasportatore che provvederà a fornirne una copia all’intermediario / intermediari eventualmente coinvolti.
  • Un’ulteriore copia (ex quarta copia) verrà consegnata dal trasportatore al produttore anche mezzo pec, dovendosi continuare a rispettare le disposizioni dell’art. 193, comma 4 del D.Lgs 152/2006.

Tutti i soggetti interessati devono conservare le loro copie (originali e/o fotocopie) per 3 anni.

08/03/2021

www.consulenzagestionerifiuti.it

ALTRI ARTICOLI SIMILI
12-07 2022

Obbligo di nominare il Consulente ADR anche per gli Speditori entro il 1 gennaio 2023

E’ fissato al 31/12/2022 il termine del periodo transitorio, iniziato il 1 luglio 2019, che obbliga gli speditori a provvedere alla nomina del consulente ADR entro il 1 gennaio 2023

La nuova edizione dell’ADR 2019 che disciplina il trasporto di merci pericolose su strada,introduce importanti modifiche rispetto alla precedente edizione.

Annoveriamo tra le più significative ”la nomina di un consulente ADR per tutti gli speditori “ affinché possano avere un valido supporto nella gestione degli obblighi che gravano su di essi ed evitare le sanzioni previste nel caso di una gestione non conforme alle spedizioni.

Ricordiamo che lo speditore, definito dalla sottosezione 1.2.1. dell’ADR, è “l’impresa che spedisce merci pericolose per c/proprio o per c/terzi. Quando il trasporto è effettuato sulla base di un contratto di trasporto, il fornitore del servizio secondo questo contratto è considerato come speditore.”

La mancata nomina del Consulente ADR è disciplinata e sanzionata dal D.Lgs 35/2010- Attuazione della direttiva 2008/68/CE, relativa al trasporto interno di merci pericolose:

Art. 11 - Consulente alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose

2. Il legale rappresentante dell'impresa la cui attività comporta trasporti di merci pericolose, oppure operazioni di imballaggio, di carico, di riempimento o di scarico, connesse a tali trasporti,nomina un consulente per la sicurezza.

  3. Entro quindici giorni dalla nomina di cui al comma 2, il legale rappresentante comunica le complete generalità del consulente nominato all'ufficio periferico del Dipartimento per il trasporto, la navigazione ed i sistemi informativi e statistici del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti competente in relazione al luogo in cui ha sede l'impresa.

 

Art. 12 - Sanzioni relative al consulente alla sicurezza

1. Il legale rappresentante dell'impresa che viola le disposizioni dell'articolo 11, comma 2, e' punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da 6.000 euro a 36.000 euro.

  2. Il legale rappresentante dell'impresa che viola le disposizioni di cui all'articolo 11, commi 3 e 6, è punito con  la sanzione amministrativa pecuniaria da 2.000 euro a 12.000 euro.

12/07/2022, A disposizione per eventuali chiarimenti.

www.consulenzagestionerifiuti.it



08-02 2022

MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE 2022

Il MUD 2022, ossia la comunicazione che enti e imprese presentano ogni anno indicando quanti e quali rifiuti hanno prodotto e/o gestito durante il corso dell’anno precedente, è stata approvata con D.P.C.M. del 17 dicembre 2021 , pubblicato in GU Serie Generale n. 16 del 21-01-2022- Suppl. Ordinario n. 4. In base all’articolo 6 comma 2 bis della Legge 25 gennaio 1994 n. 70, il termine per la presentazione del modello è fissato in 120 giorni a decorrere dalla data di pubblicazione e quindi il 21 maggio 2022.

Confermate:

-          Le modalità di presentazione, via telematica o pec

-          La struttura del modello articolato in sei comunicazioni:

  • Rifiuti
  • Veicoli fuori uso
  • Imballaggi
  • Raee
  • Urbani
  • Aee

Nulla è cambiato in merito agli importi e alle modalità di pagamento dei diritti che potranno essere versati con Telemaco Pay e carta di credito e con PagoPa. Quest'ultima possibilità è esclusiva laddove l'invio della comunicazione venga effettuato via PEC (MUD Semplificato e Comunicazione Rifiuti Urbani).

Le principali modifiche sono di seguito elencate:

- Inserimento nella Sezione Anagrafica di una nuova scheda "Riciclaggio" da compilarsi da parte di tutti i soggetti che effettuano operazioni di preparazione per il riutilizzo e/o riciclaggio finale sui rifiuti urbani e/o rifiuti di imballaggio o su rifiuti derivanti da pretrattamenti di rifiuti urbani e/o rifiuti di imballaggio anche di provenienza non urbana, che producono materie prime seconde, end of waste, prodotti e materiali dall'attività di recupero;

- Tra i soggetti tenuti alla presentazione e compilazione della Comunicazione Rifiuti Urbani, sono stati inseriti i soggetti che per effetto dell'art. 198, comma 2-bis del Dlgs 152/2006, si occupano della raccolta di rifiuti urbani (art. 183, comma 1, lettera b ter), punto 2) conto terzi presso le utenze non domestiche che dovranno compilare alcune parti della Comunicazione, in particolare il "modulo RT-non Pub" (rifiuti raccolti al di fuori del servizio urbano di raccolta) allegato alla scheda RU;

- La scheda "CG- costi di gestione" della Comunicazione Rifiuti Urbani è stata revisionata per garantire una maggiore facilità nella compilazione: in particolare è stata data la possibilità di inserire valori con tre cifre decimali e di inserire valori negativi ad alcune voci;

Sono state apportate integrazioni alle ISTRUZIONI, con particolare riguardo alle indicazioni per la compilazione delle nuove schede implementate e per chiarire meglio la definizione riguardante i rifiuti urbani di cui all'art. 183, comma 1, lettera b ter), punto 2) del Dlgs 152/2006.

(Fonte: Ecocamere)

 


13-12 2021

Il produttore di rifiuti e i precisi obblighi di accertamento, sentenza n. 35410 del 24 settembre 2021.

Nella sentenza n. 35410 del 24 settembre 2021 della Corte di Cassazione, trova corretta applicazione il principio secondo cui “affidare rifiuti a soggetti terzi al fine del loro smaltimento comporta, per il soggetto che conferisce tale compito, obblighi di accertamento tra cui, in particolare la verifica dell’esistenza in capo al medesimo delle autorizzazioni e competenze necessarie per eseguire l’incarico”.

Nel caso in questione, il ricorrente aveva affidato ad altro soggetto, dietro compenso e in presenza di testimoni il compito di smaltire rifiuti speciali non pericolosi e nello specifico un bancone di legno prodotto da attività di impresa, senza verificare l’esistenza di una specifica autorizzazione ai fini del trasporto e dello smaltimento/recupero.

Breve ricostruzione del fatto: su una pubblicavia sarebbe stato rinvenuto l’abbandono di tali rifiuti configurandosi, secondo gli imputati, un deposito temporaneo, poi, dopo qualche giorno, gli stessi non si trovavano più nel luogo dove erano stati inizialmente rinvenuti ed erano stati smaltiti bruciandoli.

All’imputato è stato contestato l’abbandono di rifiuti svolto in attività d’impresa e l’aver affidato i rifiuti a terzi non autorizzati, ovvero a titolo di culpa in eligendo, per non aver richiesto e non essersi accertato delle autorizzazioni possedute dal terzo gestore, risultato poi essere non autorizzato al trasporto e di aver smaltito i rifiuti in modo illecito.

Pertanto, ai fini di una corretta gestione dei rifiuti, il produttore deve preventivamente accertarsi delle autorizzazioni del trasportatore e dell’impianto destinatario di cui si avvale.